Rassegna Stampa Archivio

Concerto di solidarietà delle Notenere

Il Mattino di Padova, 29 aprile 2004

Travolto dall'energia positiva trasmessa dal coro gospel padovano "Notenere", il numerosissimo pubblico che ha affollato la pur grande chiesa del Crocefisso in via Bembo ha potuto assistere ad uno spettacolo entusiasmante.

Il gruppo, formatosi nel 1996 da una costola dei Summertime, si è esibito in un repertorio tradizionale di canti spirituals. Musica che è un gioioso grido di libertà per i neri d'America, radicata nell'Ottocento e vitalissima ancor oggi. Il coro "Notenere", diretto con passione oltre che perizia da Alessandro Fiore, è conosciuto e apprezzato non solo in Veneto: ha partecipato all'International Busker Festival di Ferrara e all'International Christian Musical Festival di Padova, si è cimentato con ottimi successi in vari concorsi canori tra cui il "Roncade Gospel Festival" e il Seminario Gospel a Cison di Valmarino. Pur memore degli originari spirituals, la musica gospel del coro "Notenere" trasmette la gioia della liberazione e non la consapevolezza della schiavitù, ma del resto questa trasformazione della musica è una conseguenza storica del progresso sociale americano.

Il concerto di solidarietà, con proventi devoluti a un'associazione benefica di accoglienza per l'infanzia gestita da suor Paola Pellanda nella periferia di Fortaleza in Brasile dove ha fondato un centro di recupero per giovani delle favelas, conteneva il messaggio di energia che si produce, trasmette, spande e ritorna in un cerchio che è simbolo dell'unione di amicizia che è il legame umano che intercorre tra i coristi e che loro stessi trasmettono, emozionandolo, al pubblico.